mercoledì 9 maggio 2012

Italia: paese di ladri e delinquenti. SFOGO INCAZZOSO.

Oggi sono incazzata, incazzata con il mondo interno.
Non scriverò un post sul make-up o scemenze simili.
Da quando sono tornata non riconosco più la mia città, non riconosco più la gente che ci vive.
Mentre ero fuori i miei genitori e mia sorella hanno avuto un bruttimo incidente, causato da un romeno distratto dalle due zoccole che aveva in macchina! Li ha centranti in pieno distruggendo la macchina, nuova di zecca, non aveva nemmeno un anno, e provocando qualche acciacco a mia sorella e a mio papà.
Cosa c'entra tutto questo? Beh niente, qualcuno potrebbe dire:"cose che capitano!". NO, non devono capitare cavolo. Se hai il rosso, devi fermarti! Non puoi dire "mi sono distratto!" quando a bordo hai due vere e proprie donne da marciapiede, chissà a che cazzo pensavi. Hai rischiato di ammazzare 3 persone così, per due tette e un culo!
Il punto della questione è che oggi dopo un mese e mezzo ho preso la macchina per fare dei giri e mi son resa conto di quanto la gente sia isterica e nevrotica alla guida. 
Superano a destra, suonano dopo 6 millesimi di secondo che è scattato il verde, con annesso vaffanculo pronto e dito medio alzato.
Per fare 3 chilometri ho rischiato 4 volte di fare un incidente o perchè non mi davano precedenza o perchè semplicemente andavano di fretta e tagliavano la strada a destra e a manca. 
Come se non bastasse torno a casa, viva per miracolo, ringraziando che ci sia arrivata sana e salva vista la situazione per le strade di Roma, mi accorgo che all'invalido GRAVE che ha il parcheggio apposito, hanno rubato tutte e quattro le ruote. Secondo caso nel giro di un mese, il primo era accaduto nel PARCHEGGIO "CUSTODITO" vicino casa mia.
Ora lo vedo dal balcone, triste, che si sta facendo cambiare le ruote della macchina e mi sale un rabbia che nemmeno Dio lo sa. Sono schifata e allibita dalla gente che abita sto mondo, dalla maleducazione e il menefreghismo verso il prossimo galoppante che ci circonda ogni giorno. Sono talmente incazzata che io quì non ci voglio rimanere, siamo una massa di incivili caproni che pensano al calcio e alle tette. Tanti paese Europei in questo momento stanno combattendo per qualcosa e noi? Noi ci stiamo facendo schiacciare dalla crisi senza muovere un cacchio di passo. 
Avendo vissuto un mese in Francia, capisco quando dicono che noi italiani siamo dei coglioni. E hanno pienamente ragione; sono la prima che li ha schifati! Si riconoscono a chilometri di distanza, li aiuti, parli la loro lingua, non ti ringraziano nemmeno a pagarli! 
E me ne sono accorta comparando i comportamenti dei bambini francesi a quelli italiani. Quelli italiani sono caciaroni e maleducati, che quando ti chiedono una cosa manco grazie o scusi! I bambini (come gli adulti) francesi per ogni minima cosa ti ringraziano e si scusano se sbagliano.
Se vai a comprare il pane ti sorridono, ti chiedono se vuoi ancora qualcosa, ti ringraziano per aver comprato da loro; invece quì sei tu che devi ringraziarli! Siamo troppo esigenti, siamo troppo bigotti ancora in questo paese. Non ci rendiamo conto che il mondo va avanti, mentre noi stiamo regredendo.
Siamo un paese che preferisce parlare della Juventus che ha vinto lo scudetto o di quella troietta di Belen che si è sfracellata in moto, quando ci sono PERSONE CHE SI STANNO TOGLIENDO LA VITA, sopraffatti dai debiti e dalla crisi. Massì dai, vediamo Belen che mostra la sua patacca a mezza Italia, e continuiamo a fare finta di nulla, tanto poi un giono la merda che stiamo spargendo se la spaleranno i nostri nipoti/figli!
Massì continuiamo a mandare a fanculo il prossimo solo perchè magari sta facendo attraversare una vecchietta con problemi, e non siamo scattati fulminei sull'acceleratore. Sembra di stare al gran premio quando giri per strada.
Tornata quì oggi ho detto a mia madre "ma Roma sta diventando una piccola Caracas?"
Io questa sera devo uscire con la mia migliore amica per un gelato e ho paura di non tornare a casa, ho paura che mi centri in pieno un guidatore, magari pure extracomunitario, ubriaco!
Ho paura che rientrando nel portone di casa, qualcuno mi punti una pistola per levarmi quei 5 € nel portafoglio.
Ho 20 anni e non posso vivere con l'angoscia, se ne sentono di tutti i colori! Forse penserete che sono paranoica, ma sono solamente realista!

3 commenti:

  1. concordo con tutto.... purtroppo non si fa altro che lamentarsi di questo e quello e alla fine non abbiamo il coraggio di alzare la testa e cambiare le cose... massì l'importante sono gli stadi pieni e le bave davanti alla tv con belen eheh questo si che porta avanti bene l'italia

    RispondiElimina
  2. Concordo con tutto quello che dici. Purtroppo noi italiani siamo un popolo di menefreghisti e teste di cazzo. Mi è bastata una settimana di vacanze a Berlino per vergognarmi di essere italiana, perchè gli italiani all'estero li riconosci subito. Vandali, cafoni, maleducati esattamente come a casa loro.
    Poi non parliamo dei finti invalidi, o dei finti poveri. Mio nonno materno è venuto a mancare la settimana scorsa, aveva il parkinson ed era invalido al 100%. Tuttavia, secondo la asl, lui non aveva un cazzo. Perchè, dico io, difronte ai certificati medici fasulli chiudete un occhio mentre difronte a quelli veritieri spaccate la minchia?
    Io non ho più parole, davvero.

    RispondiElimina
  3. Purtroppo è tutto vero....ne avrei da raccontare ma posso solo tacere e confermare il tuo pensiero,mi vergogno anche nel solo riportare certi episodi! :(

    RispondiElimina

Ciao lettore,
mi fanno piacere i commenti costruttivi, inerenti al post che stai commentando ma in primis educati.
Se lasci firme con link di rimando ad altri tuoi canali, ti invito a risparmiarti la fatica, perchè verranno tempestivamente cancellati. In questo blog non si lasciano messaggi di SPAM, passo sempre a trovare che viene a trovarmi.
Buona permanenza,
Ciulla.